Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2008. Le smosse de quella bbonanima

 

«Era morto?» «Era morto». «E arzò le bbraccia
«E arzò le bbraccia». «Ma de che! mma indove!».
«Nena mia, quant’è vvero che mmó ppiove
l’arzò dduvorte e sse toccò la faccia».

 

«Io n’ho vvisti morí da otto o nnove,
e ggnissuno m’ha ffatto sta smossaccia».
«E cquesto che vvò ddí, ssora cazzaccia?
C’è cchi sse move, e cc’è cchi nun ze move.

 

E nnun zuccede puro all’animali?
Dunque, dico, in che ddà sta maravijja?
affetti de li spiriti vitali.

 

Vedete inzomma si cche ccaso strano!
E cquer Zanto che ffesce unnisci mijja
tutte d’un fiato e cco la testa in mano?».

 

12 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License