Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2017. La fittuccia

 

A ffuria de strazziasse in ner mistiere
de dormí, mmaggnà e bbeve e nnun un cazzo,
s’è arrivato a ffà llargo su a Ppalazzo,
e ll’hanno infittucciato cavajjere.

 

Lui dunque, che cconossce ir zuo dovere,
de ste fittucce n’ha ccrompate un mazzo,
e a ’ggni vistito, o nnovo o dda strapazzo
ce l’ha ffatte cuscí ddar cammeriere.

 

Anzi, la cosa je sta ttant’a ppetto
che ppuro a le casacche, o ssane o rrotte,
de sta fittuccia sce ne un pezzetto.

 

E ppresto presto m’averò dda iggnotte
de vedejjeladdosso drent’al letto
cuscita a la camiscia de la notte.

 

24 maggio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License