Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2018. Er ricramo

 

E a cquer cazzaccio der padron de Rosa
sabbit’a ssera nun je prese er ramo
de portà ar Papa un fojjo de ricramo
su li guai de la ggente abbisoggnosa?

 

Sai c’arispose er Papa? «Ma cche ccosa!,
che mmiseria, li zoccoli d’Abbramo!
Lei puro1 ha stideaccia stommicosa?
Noi però, ggrazziaddio, ce ne freghiamo.2

 

E un’antra vorta che llei viè a Ppalazzo
co sti sturbi in zaccoccia, siggnor tale,
lei stii pur certo che nnun entra un cazzo.

 

Fino che ir Tesoriere nun zi stracca
di ddebbiti e vvenne3 ir capitale,
staremo sempre in d’un ventre di vacca».

 

26 maggio 1843

 




1 Pure.

2 Ce ne ridiamo; non ce ne prendiamo pena.

3 Vendere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License