Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2019. Li teatri de

 

Ste commediacce adesso che sse fanno
a Llibberti e ar Teatro d’Argentina
nun ze ponno soffrí: ppropio nun zanno
né de me né de te, ssora Ggiustina.

 

Er tempo de svariasse era quell’anno
che cce fu quela bbella pantomina
che Ppajjaccio maggnava, e Ccolombina
jatturava occhi e bbocca cor un panno,

 

eppoi rubbava ar padre, eppoi de bbotto
scappava via da casa co Arlecchino
fascenno cascà er vecchio a bboccasotto.

 

Quelle ccose deggne che cce pijji
er parchetto appenopre er butteghino,
e da portacce a ddivertí li fijji.

 

10 giugno 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License