Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2023. La compassion de la commare

 

Chi? cchi è mmorto? er zor Checco?! Oh cche mme dichi!
Me fai rimane un pizzico de sale.
E de che mmal’è mmorto, eh?, dde che mmale?
Ma ggià, de che! de li malacci antichi.

 

Ggesusmaria! chi vvò ssentì Ppasquale
quanno lo sa, cchereno tanti amichi!
Ma ggià, er zor Checco, Iddio lo bbenedichi,
l’aveva, veh, una scera de spedale.

 

E cc’ha llassato? me figuro, stracci.
E la mojje che ddisce, poverella?
ffiniti, eh?, li ssciali e li Testacci.

 

Vedova accusì ppresto! Ma ggià, cquella!
Nun passa un mese che, bbon pro jje facci,
va cco un antro cornuto in carrettella.

 

30 luglio 1843

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License