Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2042. Er Papa a Ssan Pietro

 

Me sce ttrovo io puro: anzi in ner vede
quer bon zervo de Ddio ccusí ariccorto,
che ppareva un cadavero de morto,
ammazzato pe ccausa de la fede;

 

fesce a la mojje de Matteo lo storto,
che stava ar pizzo d’un pilastro a ssede,
dico: «Nun pare llí, ssora Presede,
Cristo che facci l’orazzion’all’orto?».

 

Ste parole l’intese un berzitello,
che gguardavaggni cosa, appiccicato
co la panza a li ferri der cancello.

 

Disce: «Fijjolo, ve sete sbajjato.
Voi chiacchierate de passione, e cquello
s’inzoggna le ricchezze de lo Stato».

 

5 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License