Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2043. Er pane per antri denti

 

Pe ppiascemme, cojjoni si mme piasce!
Che ggraffiona, pe ddio, che ttraccaggnotta!
bianca ppiú de la carcia e la ricotta:
co ddurossi che ppareno dubbrasce!...

 

Nun cquesti li guai: quer che mme scotta,
ppiú cche ssi stassi immezzo a ’na fornasce,
è de vedella, e de lassalla in pasce;
ché, ppe ddisgrazzia mia, nun è mmiggnotta.

 

Quella scerca marito; e ppe sposalla
o cce rrobba ar zole o bbaiocchelle,
perché de casa sua sta ttoppo calla.

 

Che ttre giulî ar giorno, Raffaelle?
De car’e ggrazzia sce se strappalla,
e sse ne vanno in tacchie e gguaïnelle.

 

6 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License