Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2060. Le bbotteghe serrate

 

Quant’a osservà le feste, sor Ilario,
cco vvoi: è de ggiusto: è de dovere.
Ma cche jj’è a Ddio si un oste o un caffettiere
scantina un tantinello in ne l’orario?

 

Lui se ne ride er Cardinar-Vicario,
perché ssi a llui je se ssciojje er braghiere
cià a ccasa sua bbon coco e credenziere
bell’e ppronti co tutt’er necessario.

 

Nun dico ggià cco le parole mie
c’abbi in tutta la festa una perzona
da stà ppe li caffè e ppe l’ostarie.

 

Ma cche la ggente sii puro províbbita
de levasse un crapiccio a la scappona,
de maggnà un tozzo o de pijjà una bbibbita!...

 

10 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License