Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2065. Er conto de la locanna

 

Dunque se paga o nnò, ssora Vincenza?
Sete dura de reni eh sora sposa?
Pare che vvoi ve la pijjate ariosa,
e a mmé mme se sbottona la pascenza.

 

Ve lo dich’io si ccome va la cosa.
Voi sete avvezza de campà a ccredenza:
sete avvezza a mmaggnà ppe ppropotenza,
e ar pagà ffate poi la stommicosa.

 

Inzomma, io v’ho alloggiata mezzo mese
co cquer drittone de vostro marito,
e vv’ho ffatte de ppiú ttutte le spese.

 

Voi fate la scordata, lui lo ssciocco.
Tratanto er mezzo mese è ggià ffinito,
e nun ze vede l’arma d’un baiocco.

 

26 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License