Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2076. Una serenata

 

Occhi de gatto, bbocca de fornello,
naso da ppe bbecco ar pappagallo,
cera de torroncino e de pangiallo,
grugnaccio spizzicato da l’uscello:

 

collo da colonnetta de cancello,
schina commare de Montecavallo,
cianche vinte co un zette su lo spallo:
sei l’asso e ttiette , ccore mio bbello.

 

E cquelli mostri de li tu’ parenti,
je pijji una saetta a ttutti quanti,
una gabbiata zeppa de scontenti.

 

Spero però cche Ccristo co li Santi
ve connischi un guazzetto d’accidenti
pe ffavve cascà ttutti a ffacciavanti.

 

27 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License