Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2081. Le massime de la padrona

 

La mi’ padrona, poi, Padre Priore,
nun è mmica de quelle cristianacce
che nell’opere bbone hanno dufacce,
una per monno e llantra per Ziggnore.

 

Lei disce che nnun ttante legacce,
perché er bene che ffa lo fa de core;
e cc’uno in chiesa, o ggiusto o ppeccatore,
o ha da bbon esempio o nun annacce.

 

E, ppe mmé, bbuggiaralla la Contessa,
ma nun ze nnegà cche ne sa assai
sur modo de sentí la santa messa.

 

Tant’è vvero, e lo disce puro Tota,
che ppe le cchiese lei nun ce va mmai
pe la pavura de nun stà ddevota.

 

29 dicembre 1844

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License