Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2088. La bbanna de Termini

 

Inzomma, sti regazzi de la bbanna
de Termini ggià ffanno un ber zussurro.
E ssi vvedete quer capotammurro
come li fa ingarrà! ccome li manna!...

 

Ve dico inzomma ch’io, sora Susanna,
che dell’antri nemmanco ne discurro,
si ssento questi cqui, ssubbito curro
e cce pianto mi’ mojje che ssaddanna.

 

Ce ne ccerti inzomma, poverelli!,
che jje dànno una bbuggera de tromma,
da fàjjesce cacà li vermiscelli.

 

Questo, è vvero, è un po’ troppo; perché inzomma
quer trommone a sti ppoveri franguelli
propio li fa sfiatà, ppropio li spiomma.

 

3 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License