Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2103. [Er volo de Simommàgo]

 

Privasse de stEcolomo, privasse,
perch’è vvôto l’orario der Governo!
Già, in primo logo, lui vvince un terno,
e un terno grosso da riempí le casse:

 

poi sc’è ssempre er rimedio de le tasse:
poi la su’ robba, che cce n’ha un inferno,
incantalla, e ttené lluso moderno
de chiunque se trova in acque bbasse.

 

poi, nun fussantro, si cchiede quadrini
a ttanti che ppe llui nun ppiú iggnudi
riccapezza una bbarca de zzecchini.

 

Pochi ne cacceria?! ’Na bbagattella!
Pònno improntàjje un ventimila scudi
l’eredi soli de Padron Pianella.

 

13 gennaio 1845

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License