Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2135. Le zzampane

 

Come?! Zzanzare! E cche vvò ddí zzanzare?
Se chiameno zzampane ar mi’ paese.
Si vvoi volete ppoi fàcce l’ingrese,
le potete chiamà ccome ve pare.

 

Chi l’ha ddetto? er padrone? Ehèe, ccompare,
s’avessi da ridí dda quarche mmese
tante cojjonerie c’avemo intese,
ce ne sarebbe da ffonno ar mare.

 

Zanzare! Cristo! eh ssi lo dichi a un cane,
nun te strilla caino e scappa via?
Ggnente: zzampane s’ha da , zzampane.

 

Bbe’, sse dirà zzanzare pe le stampe;
ma ssò zzampane: eppoi, santa Luscia!,
nun je le vedi llí ttante de zzampe?

 

2 aprile 1846

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License