Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2151. La smania de sposà

 

«Tratanto io cqui... lo pôi negà?» «Che vvessce1 «Io...». «Me credevo che vvusscissi2 er fiato».
«Io ancora zzitella...». «Oh cche peccato!».
«E tutto pe vvia tua».3 «Me n’arincressce».

 

«Me facessi4 lassà Ttitta de Fressce...».5
«E ttu, ccojjona, perché ll’hai lassato
«Ma cche aspetti?» «La dota der curato».
«Maggna, cavallo mio, ché llerba cressce».6

 

«Eh, sorella, io nun de sti sciufechi7
c’hanno prèsscia:8 la gatta pressciolosa,
cocca mia bbella, fa li fijji scechi».9

 

«Tu tte penzi da 10 cco le miggnotte;
e io..., e io...». «E ttu, e ttu, smaniosa,
si nun ce pòi stà ppiú, vatt’a fotte».11

 

9 aprile 1846

 




1 Che dite, che avete?

2 Escisse.

3 Per tua cagione.

4 Mi facesti.

5 Giambattista di Fesch (cardinal Fesch).

6 Vuol esservi tempo. Proverbio.

7 Non sono di questi gonzi.

8 Fretta.

9 Proverbio.

10 Di trattare.

11 Vattene in malora.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License