Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2162. Er guazzarolo1 sbiancato2

 

Quant’ar 3 cch’io me sposo sta regazza,
sor piripicchio4 mio, la fate franca!
Vacca o vvitella poi, bbiocca o ppollanca,
questo a mmé nun me smove una pennazza.5

 

Ma rrara o nnò ccom’una mosca bbianca,
vienghi de bbona o de cattiva razza,
si ccredessivo6 mmai dàmme la guazza,7
bello mio, me ve ggioco a ssottocianca.8

 

Pe ccojjonella9 tanto, io ve soverchio;
e, ppe rregola vostra, io nun ciappizzo10
co cchi ccerca marito pe ccuperchio.

 

Già la pascenza me sta in pizz’in pizzo:11 e, un carcio che vve do, vvallargo er cerchio
e vve spiano la punta ar cuderizzo.12

 

22 aprile 1846

 




1 Derisore. Dar la guazza, vale: deridere, beffeggiare, ecc.

2 Confuso, mortificato, smentito.

3 Quanto al dire.

4 Omiciattolo.

5 Peli delle palpebre.

6 Se credeste.

7 Darmi la guazza. Vedi la nota 1a.

8 A sottogamba.

9 Derisione.

10 Non ci appizzo: non inclino, non mi espongo, ecc.

11 La pazienza è per fuggirmi.

12 All’osso sagro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License