Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2189. Er cavajjerato

 

Mentre stavo attennenno ar mi’ mestiere
e ppistavo la china in ner mortale,1


sentivo che ddisceva lo spezziale:
«Sapete chi hanno fatto cavajjere

 

«Lo sapemo», arispose quer curiale
che vviè a la spezziaria tutte le sere,
«hanno dato la crosce a un berzajjere
c’appricò un carc’in culo a un libberale».

 

«Ma ccome!», sartò ffòra un medichetto,
«ho lletto in de le storie...». «Eh, ccaramico,
va a ppenzà adesso quer c’avete letto!

 

Va ccercannoggi tra la ggente morta
cos’era un cavajjere a ttempantico!
E li preti cquelli d’una vorta?».

 

15 novembre 1846

 




1 Mortaio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License