Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2191. Er giubbileo der 46

 

Inzomma venardí1 ssapre er tesoro
de le sante innurgenze, sor Matteo.
Venardí se mano ar giubbileo
de li frati e li preti fra de lòro.

 

Me ne moro de vojja me ne moro,
de vedé Ddon Ficone e Ffra Ccazzeo
er bocchino da scribb’e ffariseo
pe abbuscasse un buscetto in concistoro.

 

Poi doppo s’arivesteno l’artari,
e ssarrizzappa pe ttre ssittimane2
la vigna pe nnoantri secolari.

 

E accusí a ssono d’orgheni e ccampane
s’aggiusteranno cqui ttutti l’affari:
nun ce saranno ppiú lladri e pputtane.

 

16 novembre 1846

 




1 20 novembre 1846.

2 Dal 6 al 27 dicembre.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License