Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2205. Le vecchie-pupe

 

«Fútter», disse munzú, «tre bbelle famme»
(famme, in lingua francese, ddí ddonne):
«ovì, per diú, ttre bbelle e ttre bbonne»:
e cquelle ereno dua co cquattro gamme.

 

Belle poi com’er zeta e er pisilonne,
bone come la serva der cacamme;
e in quant’a ccarnevali, buggiaramme
si nun nnate quanno mòrze Aronne.

 

Quelle llí, nnun ve fo ccaricatura,
ereno, co lliscenza der francese,
bell’e vvecchie quann’io ero cratura.

 

Ma fforzi pe le donne a sto paese
c’è er privileggio de madre natura
c’oggni giorno de ppiú jje cali un mese.

 

10 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License