Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2214. Er passo de la scuffiarina

 

«Presto affaccete, Ghita, ecco che ppassa!».
«Chi? cquela schefa llà? cquela ssciacquetta?!
Nun te pare un ber tocco de spuzzetta
da affittalla a ttre schiaffi pe gganassa?

 

Guarda, guarda, Luscia, come sculetta!
Ha una gran presscia!». «Eh ppovera bbardassa,
curre in chiesa a imbrojjà ccerta matassa
co un paíno affamato che l’aspetta».

 

«Ma è mmaritata, vedova, zzitella?...».
«Gnisuna de le tre». «Ddunque che ccosa
«Un’antra cosa che ffinissce in èlla».

 

«Ho ccapito. E ccià mmadre?» «L’ha ssicuro;
ma jje fa la ggneggnè, la scrupolosa,
la santarella appiccicata ar muro».

 

14 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License