Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2216. L’amica de core

 

Ôh, cquanno è ’na scèrtora, è amica mia
e la difenno io, sora Costanza;
e mme pare una gran mala creanza
de trattalla da porca bbu e vvia.

 

E ssi llantranno, povera Luscia!,
pe cquarche mmese je cresscé la panza,
c’è bbisoggno che ffussi gravidanza?
Sarà stata quarcantra ammalatia.

 

È vvero poi che jje calò in duggiorni;
ma cquesto che vvòr ? Vve faria caso
ch’er gonfiore medemo jaritorni?

 

Dipenneno ste cose da le lune,
ché in quant’a llei, ce ggiucherebbe er naso,1


nun tratta antro ch’er popolo e ’r cummune.

 

14 gennaio 1847

 




1 Ci scommetterei il naso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License