Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2217. Er furto piccinino

 

Chi arrubba è lladro, e llarrubbà è ppeccato,
e cchi ffà li peccati è ppeccatore;
e cquesto credo che nnun facci onore,
sor Libborio, a un cristiano bbattezzato.

 

Ma llevà er mantelletto a un Monziggnore,
caccià da Roma un povero prelato,
pe un pupazzetto o ddua c’ha sgraffignato,
è, a ssintimento mio, troppo arigore.

 

Capite voi? de sto paese io parlo,
dove chi ffa man bassa se la svicola:
cquesti nun li scrupoli der tarlo?

 

Ggià, scrupoli der tarlo, sor Libborio,
che ddoppo avé magnato la particola,
ebbe pavura de magnà er cibborio.

 

15 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License