Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2218. Er furto piccinino

 

Mentre llí, in pied’in piede, er mi’ padrone
riccontava sto furto a mmezza vosce,
se stava scontorcenno un prelatone
e ssaïnava a ffà ssegni de crosce.

 

Disce: «Un prelato reo di tal azzione!
Un di nojantri! oh cquesta mmi cosce!
Oh cche pporco futtuto! oh cche bbriccone!
Oh cche vvergogna! oh cche ddilitto atrosce!».

 

Ma cquant’è vvero er naso de san Pietro,
spesso chi rrajja sopr’all’antri, rajja,
se bbutta avanti per nun cascà addietro.

 

E ccorpo der cudino de ’na sorca!,
nun ze po ddà che ssii coda de pajja
e tutt’affetto de camiscia sporca?

 

15 gennaio 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License