Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2245. Er guardaportone

 

Io me n’entravo co la pasce mia,
quanno da un bussolotto in d’un cantone
sarta fora er munzú gguardaportone,
disce: «Che vvolevú? psch, marcé vvia».

 

«Ihí, ddico, e cchedè ttantarbaggia?
Lei impari a ddistingue le perzone».
Disce: «Vu un gianfuttre», e ccor bbastone
me stava pe stirà la bbiancheria.

 

«Sete un gianfutre vói, dico, sor utre
de ventaccio abbottatar cimiterio:
voi, parlanno accusí, ssete un gianfútre».

 

Come finí? Finí c’a sta schifenza
bbisoggnava arispònneje sur zerio.
Ma cche vvòi che fascessi? usai prudenza.

 

31 gennaio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License