Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

2278. La musicarola

 

Bbrava! ma ssai che ccanti bbene, Arbina?
Sentite llí ssi cche bbelli trilletti!
E pperché cco sta vosce nun te metti
sur teatro de Valle o ddArgentina?

 

Te dich’io li bbanchi e li parchetti
li faressi affollà dda la matina;
ché cciàina grazzia a ffà la canterina
quanta n’ha llórzo a llavorà mmerletti.

 

Hai cantata quell’aria, Arbina mia,
che ssi ccera Madama Melibbranni
se sbajjava la porta a scappà vvia.

 

Manni dar corpo una voscetta, manni,
che, ssopri bbocca da piazza ggiudìa,
s’attureno l’orecchie a Ssan Giuvanni.

 

2 marzo 1847

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License