Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

71. In acqua lagrimar’in valle1

 

Fàcce mente-locanna,2 mastro Meo,
e ttaricorderai, si nun zei cêscio,3
ch’er zito indove famio4 a ccavacescio5
è er muro de San Neo e Ttacchineo.6

 

Anzi in cuer logo ar fîo7 de Zebbedeo,
per imparajje un giorno a ttiené ccescio,8
je dassi9 tu ’na sscivolata a sbiescio,10
che cce schioppò pe tterra er culiseo.

 

Che ttempi! ahù! cchi l’aripijja? Bbrega?11 tte schiatti e ffatichi e sta’ ar fettone,12
e ttanto o Cristo o er diavolo te frega.13

 

La mojje, er cavalletto, la piggione,
er Curato... oh ssciroppete sta bbega14
senza sputatte15 fedigo16 e ppormone!

 

Terni, 4 ottobre 1830 - De Pepper tosto

 

 




1 In hac lacrymarum valle.

2 Facci mente locale.

3 Imbecille.

4 Facevano.

5 Cavaceci.

6 SS. Nereo ed Achilleo.

7 Figlio.

8 Tener cecio, cioè: «conservare i segreti».

9 Dasti.

10 A sghembo.

11 Personaggio immaginario che equivale a «nessuno».

12 Stai assegnato.

13 Ti corbella.

14 Oh togliti su questa serie di guai.

15 Sputarti.

16 Fegato.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License