Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

99. A Teta

Sonetto

 

Pe tterra, in piede, addossar muro,
a lletto, come c’ho ttrovo d’addoprà l’ordegno,
n’ho ffatte stragge: e pe ttutto, sii detto
senz’avvantamme,1 ciò llassato er zegno.

 

Ma cquanno me visto in ne l’impegno
drento a cquer tu’ fienile senza tetto,
m’è parzo aritornà, peddío-de-legno,
un ciuco2 cor pipino3 a ppignoletto!

 

Eppuro, in cuanto a uscello, ho pprotenzione
che ggnisun frate me ffà ppaura:
basta a gguardamme in faccia er peperone.4

 

Ma co tté, ppe mmettésse a la misura,
bisoggnerebbe avé mmica un cannone,
ma la gujja der Popolo addrittura!

 

Morrovalle, 10 settembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Vantarmi.

2 Fanciulletto.

3 Membruccio.

4 Naso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License