Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

117. Er carcio-farzo1

 

Rosa, nun te fidà de tu’ cuggnata:
quella ha ddufacce e nun te viè ssincera.
Dimannelo cqui ggiú a la rigattiera
si ccome t’arivorta la frittata.

 

Stacce a la lerta,2 Rosa: io t’ho avvisata.
A la grazzia..., bbon giorno..., bbona sera...;
e ttocca la viola:3 ché a la scera
je se smiccia la quajja arisonata.4

 

Sibbè cche5 (a ssentí a llei) tiè er core in bocca,
fa dduparte in commedia la busciarda,
e ddí ccacca si tte disce cocca.6

 

Quanno tu pparli, a cchi ttira la farda,
a chi ttocca er piedino: e intanto, ggnocca,7
tu la crompi pe alisce, e cquella è ssarda.

 

Morrovalle, 25 settembre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Tradimento.

2 All’erta.

3 E basta così; e va’ pe’ tuoi fatti.

4 Lei si conosce l’idea di furba, di maligna.

5 Sebbene, benché.

6 Cuor mio.

7 Semplice che sei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License