Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

119. Er tisichello

 

Semo a li confitemini:1 stracco:
me sento tutto ssciapinato2 er petto:
e si cqua nun famò arto3 a sto ggiuchetto,
se finisce a SaStefino der Cacco.

 

Sta frega4 de turacci che tte metto,
tu li pijji pe pprese de tabbacco:
ce vôi sempre la ggionta e ’r zoprattacco,
come si er cazzo mio fussi de ggetto.5

 

Oggi ch’è festa pôi serrà nnegozzio,
ché lo sa ggni cristiano che la festa
nun è ppe llavorà, mma ppe stà in ozzio.

 

Mancoggi? ebbè dduncue àrzete la vesta:
succhia ch’è ddorce. Ma nun zoMammozzio,
si nun t’attacco un schizzettin de pesta.

 

Morrovalle, 26 settembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Siamo agli estremi.

2 Malconcio.

3 Fare alto: arrestarsi.

4 Moltitudine.

5 Di metallo fuso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License