Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

128. È tardi1

 

Ma che te vôi sônà, si nun zei bbona
manco a mmaneggià er pifero a la muta?!
Ma che te vôi ggiucà, mmó cche pportrona
nun zai bbatteffà la ribbattuta?!2

 

Ma che tte vôi succhià, Ciucciamellona,3
si nun risputi mai quanno che sputa?!
Ma che tte vôi sperà?! Nun zai, cojjona,
che nun l’ajjuta Iddio chi nun s’ajjuta?

 

Datte l’anima in pace; e li pelacci
che nun ponno vedé piú mmarachelle,4
sarvali pe rrippezzi de setacci.5

 

E si pporta-leone6 nun t’arrubba,
un tammurraro7 te ffà la pelle,
pe rrimette li fonni a ’na catubba.8

 

In legno, da Valcimara al ponte della trave.
D’er medemo - 28 settembre 1831

 

 




1 Tutto questo sonetto è una continua serie di modi proverbiali, metafore ed equivoci relativi al giuoco de’ sessi.

2 Translati dal giuoco del pallone.

3 Baccellona.

4 Contrabbandi.

5 Stacci.

6 Becchieri di carogne destinate a pasto di gatti.

7 Tamburaio.

8 Grancassa della banda militare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License