Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

144. Girolamo ar Cirusico de la Conzolazzione

 

Servo, sor Tajjabbò e la compaggnia!
Ché, annate a ffà un giretto ar culiseo?
A pproposito, è vvero che Mmatteo
v’ha mmannato Noscenzo1 a la curzía?2

 

Avessi creso3 a le parole mia
che jje disse quannera er giubbileo,
nun ze saría mo ttrovo in sto scangèo4
de fàsse scortellà pe ggallaria.5

 

Ma ggià che cc’è ccascato in ner malanno,
adesso, sor Cirusico mio caro,
l’ariccommanno a vvoi, l’ariccommanno.

 

Nun l’avete da pe sto somaro,
ma pe cquelle crature che nun cianno
ggnente che ffà ssi er padre è un cicoriaro.6

 

Terni, 1 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Innocenzo.

2 Corsia dell’ospedale.

3 Se avesse creduto.

4 Guaio.

5 Per ischerzo.

6 Stizzoso, permaloso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License