Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

154. Me ne rido

 

E da capo Maghella! A ssentí a tté
chi nun diría che mm’hanno da impiccà?
Oh cammínete a ffà strabbuggiarà:
male nun , pavura nun avé.

 

E che mme frega li cojjoni1 a mmé
si2 er bariscello3 me sce acchiappà?!
Prima, cristo!, che mm’abbi da legà,
l’ha da discurre cor un certo ché.

 

Anzi, come lo vedi, dijje un po’
che Peppetto lo manna a rriverì,
pregannolo a risceve un pagarò.

 

Questo è de scentodua chicchericchì,4
che si me scoccia piú li C, O, ,
presto se l’averà da diggerì.

 

Terni, 2 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Che mi cale.

2 Se.

3 Bargello.

4 Parola insignificante, che talora si prende per «galletto». Qui per «colpi di un uomo imbizzarrito»

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License