Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

193. Nun zempre ride la mojje der ladro1

 

Pe ffasse strascinà2 Mmenica zozza,3
chi nu lo sa?, rinegheria la fede:
e tte fa spesce si mmó vva in carrozza?
Lasscia : ciarivedemo appiede.

 

Sin che ddura la robba de Pressede
lei se la ride, se la sciala, e strozza.4
Scorta5 poi che ssarà, tu ll’hai da vede,
uf,6 l’hai da vede piaggne a vvita mozza.

 

Cuella bbenedettanima requiesca
se sscervellava7 pe arricchí er marito;
e llui se va a spiantà ppe sta ventresca!

 

Nun ze n’accorge, cc’ha er fiasco empito;
ma llasselo aridusce8 all’acqua fresca,
e a tte Ccannella9 a mmozzicatte er dito!

 

Terni, 8 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Proverbio.

2 Per andare in carrozza.

3 Sozza.

4 Mangia.

5 Colla o stretta come corta.

6 Interiezione esprimente persuasione intima.

7 Si stordiva in pensieri.

8 Ridurre.

9 La voce Cannella è un puro ripieno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License