Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

202. Er gioco de piseppisello

 

Io lo faria co tté piseppisello1


colore ccusí bbello e ccusí ffino!2
In der mejjo però der ritornello
me stremisco de quer Zantomartino.

 

Perché sto santo ar povero bboccino
dell’omo je fa un certo ggiucarello,
che quanno va ppe mmettese er cappello
nun je carza piú un cazzo in zur cudino.

 

Caso che allora me spuntassi un porro,
io subbito direbbe: bbona sera!,
ecchesce a la viggija der ciamorro.

 

Te pare arisicamme3 a sta maggnera?
Ste mmànnole ppiú ppresto4 me l’attorro.5
Pur ch’er reo nun ze sarvi ecco le pera.

 

In legno. Da Civitacastellana a Monterosi,

10 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Giuoco da fanciulli.

2 Parole che si profferiscono con altre, in quel giuoco.

3 Arrischiarmi.

4 Piuttosto.

5 Mandorle attorrate: abbrustolite, cioè, poi conciate con zucchero.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License