Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

204. Nun ze bbeve e sse paga

 

Vedemo un po’ ssor oste da finocchi
fùssimo Cacasenno e Bbertollino!
Mezzo bbicchiere quinisci bbaiocchi!
Quant’a la bbotte l’arivenni er vino?

 

Fa ccommido eh sor Lappa er fiaschettino
quanno capita er passo de l’alocchi?!
Chi smezza paga: tu ppoi l’aribbocchi,1


e ccusí un fiasco te viè a ddà un quartino.1a

 

Tu dunque doveressi avelle1b intese
quele sstorie inventate da Margutte,
dove disce accusí, che a cquer paese

 

a ttempi der Patriarca Sorfautte
se cantava stantifona a le cchiese:
un cojjone che vviè le paga tutte.

 

In legno, da Civitacastellana a Monterosi,

De Pepper tosto - 10 ottobre 1831

 

 




1 Lo riempi.

1a  Cinque paoli.

1b  Dovresti averle.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License