Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

235. Accusí er monno

 

Quanto sei bbono a stattene a ppijjà1


perché er monno ccurre2 pe l’ingiù:
che tte ne frega3 a tté? llasselannà:
tanto che speri? aritirallo ?

 

Che tte preme la ggente che vvierà,4
quanno a bbon conto sei crepato tu?
Oh ttira, fijjo mio, tira a ccampà,
e a ste cazzate5 nun penzacce6 ppiù.

 

Ma ppiú de Ggesucristo che ssudò
’na camiscia de sangue pe vvedé
de sarvà ttutti; eppoi che ne cacciò?

 

Pe cchi vvò vvive7 l’anni de Novè
ciò8 un zegreto sicuro, e tte lo :
lo ssciroppetto der dottor Me ne…9

 

Roma, 14 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Startene a pigliar pena.

2 Correre.

3 Che te ne cale.

4 Verrà.

5 Sciocchezze.

6 Non pensarci.

7 Vuol vivere.

8 Ci ho: ho.

9 Me ne buggero: non me ne incarico.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License