Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

323. Er ballerino d’adesso

 

Quer Monzù a ttordinone1 che ttiè ffora
le zinne in ner ballà ccom’e Mmadama,
si vvolete sapé ccome se chiama,
io j’ho inteso de Rocca-priora.2

 

Tiè ccerti quarti tiè, per dina nora!,
che ’ggni donna coll’occhi se lo sbrama:2a
frulla le scianche2b poi com’una lama,
e ccrederessi che cce ggiuchi a mmora.

 

Io so cche cquanno terminò er duetto
che ffasceveno lui co le dudonne,
pareva propio che ccascassi er tetto.

 

E ddisse in piccionara er Zor Marchionne
che mmanco ha inteso ttutto quer ghetto
quanno upriveno l’occhi le Madonne.3

 

 9 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Teatro Torre-di-Nona.

2 Il signor Priora. Rocca-Priora è una terra della Sabina.

2a Sbrana.

2b Gambe.

3 Prodigio narrato dal tempo della venuta de’ Francesi repubblicani, alla caduta del secolo passato.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License