Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

324. Li Manfroditi1

 

Li manfroditi (ggià cche tte preme
de stillatte er ciarvello in stantra bbega),2
ppe ffattucchieria de quarche strega
ommini e ddonne appiccicati inzieme.

 

Loro mmaschi e ffemmine medeme,3
e ssi jje viè er crapiccio d’annà in frega
cazzo e ffreggna je sta ccas’e bbottega
pe ddà ar bisogno e ppe rrisceve er zeme.

 

Quer poté appiccicasse4 e ffà llamore
co cchiunque te capita d’avanti,
nun te pare un ber dono der Ziggnore?

 

All’incontrario poi tanti e ppoi tanti,
gente lescit’e oneste e dde bbon core,
nun troveno a scopà mmanco li santi.

 

9 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Ermafroditi.

2 Imbroglio.

3 Medesime: ad un tempo.

4 Appiccicarsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License