Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

346. La Nasscita

 

Sora Ggiuvanna mia, a sto Monnaccio
è stato un gran cardéo1 chi cc’è vvienuto!
Nun era mejjo de pijjà un marraccio2
e d’accoppasse cor divinajjuto?

 

Su la porta der Monno ce sta: Spaccio
de guainelle
3 a l’ingrosso e a mminuto:4
de malanni passati pe ssetaccio
5
de giojje appiccicate co lo sputo
.6

 

Da regazzi, la frusta ce sfraggella,
da ggioveni, l’invidia de la ggente,
e da vecchi, un tantin de cacarella.

 

Bbasta, ggià cche cce semo, alegramente:
e nun ce famo la cojjonella7
cor don-der-fiotto che nun giova a ggnente.

 

 17 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Caldeo, imbecille.

2 Grosso coltello da colpo.

3 Le guainelle sono le «carubbie». Qui stanno per metafora di guai.

4 Formula tolta dalle inscrizioni sovrapposte per lo più alle osterie. Spaccio di vino di…,all’ingrosso e al minuto.

5 Raffinati.

6 Fragili.

7 Dar baia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License