Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

373. Lo scojjonato1

 

Baron bècco2 futtuto bbuggiarone,
ladro canajja pe nnun ditte peggio:
si nnun te pijjo a ccarci in ner palleggio,3
damme er tu’ nome che mme sta bbenone.

 

Da cuann’in cuà ggodemo er privileggio
de pijjà tutt’er monno pe ccojjone?
, nun ciò ppancotto io ner cestone,4
sai? duncue abbad’a tté perch’io rameggio.5

 

E in cuella pila tua tante ne bbulli?6
Ciài la patacca7 a la camiscia, eh fijjo,
che ddai la pecca a ttutti e tte la sgrulli?8

 

Ma pprega la Madon der bon conzijjo
de nun toccamme un giorno che mme frulli,9
ché ’na sodisfazzione io me la pijjo.

 

 24 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Beffardo con malignità.

2 Colla e larga.

3 Ne’ genitali.

4 Capo.

5 Rameggiare: essere bizzarro, a estri.

6 Da bollire.

7 Patente.

8 Vai salvo, impunito.

9 Corrisponde presso a poco al senso della nota 5.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License