Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

387. La puttana sincera

 

Io pulenta? Ma llei me maravijjo!
Io ppulita com’un armellino.1


Guardi cquà sta camiscia ch’è de lino
si ppe bbianchezza nun svergogna un gijjo!

 

Da cche cquarcuscello io me lo pijjo
io nun ho avuto mai sto contentino,
perché accenno ogni sabbito er lumino
avanti a la Madon-der-bon-conzijjo.

 

Senta, nun ppe ddillo, ma un testone2
lei nu l’impiega male, nu l’impiega,
e ppò rringrazzià Ccristo in ginocchione.

 

Lei sta cosa che cqui nun me la nega,
che invesce de bbuttalli a ttordinone3
tre ggiuli è mmejj’assai si4 sse li frega.

 

 28 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Ermellino.

2 Moneta da tre paoli.

3 Teatro di Tor-di-Nona, overa allora cattiva opera.

4 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License