Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

403. La ggiustizia è cceca

 

Perch’er Papa, a sti bbirbi,1 in de la gola
nun jintorcina un bravo collarino,
c’è cchi ddisce c’ha un core de purcino
e cchi pprotenne che llui fa cciriola.2

 

Ma llí a ppiazza de Sciarra in cuella scola
dove s’impara a llegge er bullettino,3
su sto proposito oggi a un abbatino
j’ho inteso compitàna gran parola:

 

ciovè ch’er Papa essennose informato
ch’er cardinal Arbani4 ha ffatto e ha ddetto,
te l’ha mmannato a Ppesero legato.

 

Trattannose accusí co le Minenze,
c’è da sperà che armanco un cavalletto
ce vienghi a cconzolà stantre schifenze.5

 

7 febbraio 1832 - Der medemo

 




1 I liberali.

2 Far ciriola è «quel tenere occulto dalla parte del giuocator contrario in fraude del compagno».

3 Gabinetto de’ giornali.

4 Albani fu inviato Legato a Pesaro (per poi passare nella medesima qualità a Bologna, ecc.) nel… 1831.

5 Feccia d’uomini: i liberali.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License