Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

417. Li mariti

 

Mariti? eh, Dio! si le cose, commare,
se potessi cuaggiù ffalle duvorte,
prima de cquer padre a l’artare
me vorrebbe da ddamme la morte.

 

Strapazzi de ’gni ggenere, cagnare,
cazzottoni, croscette,1 fuse-torte,2
porca cquà, vvacca llà... che tte ne pare?
valla a ddisiderà sta bbella sorte.

 

Figurete ch’er mio che mm’ha ppijjata
piena zeppa de robba, è ggià la terza
ch’inzino a la camiscia m’ha impegnata.

 

Senza poi che stanimaccia perza3
cuanno semo... capischi?, ha la corata4
de particce5 a la dritta e la roverza.

 

Terni, 6 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Digiuni.

2 Corna.

3 Perduta.

4 Corata, per «cuore». Corata è presso il volgo «l’insieme de’ visceri del petto». Quindi comperare una corata; fare una frittura di corata, ecc.

5 Partirci: darcisi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License