Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

436. Cuer che ssa nnavigà sta ssempre a ggalla

 

Si ppegni bbirbaria de sto paese
un povèta fascessi1 un ritornello,
e lo mannassi pe le stampe, cuello
guadagnerebbe un tern’-a-ssecco2 ar mese.

 

Cqua mme risponni tu: sto maganzese3
potríammannisse pe vviaggià in castello,
dov’er guadammio der zuggiucarello
e nnò jjabbasterebbe pe le spese.

 

tte reprico io cche nu lo sai
tu er praticà de sto paese bbuffo:
cqua cchi ha ccudrini, nun ha ttorto mai.

 

Bbasta de curre a ttempo co lo sbruffo:
eppoi senza pericolo de guai,
spaccia puro pe ffresco er pane muffo.

 

Terni, 9 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Facesse.

2 Terno giuocato senza pretesa di vincita in ambo: caso in cui la vincita del terno è di molto maggiore guadagno.

3 Persona sinistra.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License