Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

441. Er Curato linguacciuto

 

Lo so, lo so ch’er zor curato ha sparza
la chiacchiera ch’io bbatto1 in borgo-novo,
che in ner mentre mantiengo er m’arimovo2
manno pe Rroma la mi’ mojje scarza,3

 

e cche ppe ffajje mmejjo comparza
pelo er gabbiano mio dove lo trovo:
ma sto frate è un busciardo, e tte l’approvo:4
cuanno una cosa nun è vvera, è ffarza.5

 

Abbadi a llui però co sta pastrocchia,6
perché le lingue ttutte sorelle,
e llui puro avé cchi jje la scrocchia:7

 

lui che annanno a pportà le pagnottelle
de san Nicola,8 in de la su’ parrocchia
ha ingallato da9 dodisci zitelle.

 

Terni, 11 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Pratico.

2 Mi-rimovo: espressione indicante «la commozione eccitata da un soggetto che s’ama», quindi per traslato, «l’oggetto stesso».

3 Scalza.

4 Te lo provo.

5 Falsa.

6 Menzogna mal composta.

7 Chi lo colpisce dicendo il di lui fatto.

8 Piccolissimi pani benedetti, di virtù non inferiore a qualsiasi elisir.

9 Circa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License