Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

468. La sscerta1a

 

Sta accusí. La padrona cor padrone,
volenno marità la padroncina
je portonno davanti una matina,
pe sscejje, dubbravissime perzone.

 

Un de li dua aveva una ventina
d’anni, e dduspalle peggio de Sanzone;
e llantro lo disceveno un riccone,
ma aveva un po’ la testa scennerina.1

 

Subbito er giuvenotto de cuer paro2
se fesce avanti a ddí: «Sora Luscía,
chi vvolete de noi? parlate chiaro».

 

«Pe ddilla,3 me piascete voi e llui»,
rispose la zitella; «e ppijjeria
er ciscio vostro e li quadrini sui».

 

Roma, 21 novembre 1832 - Der medemo

 




1a Scelta.

1 Cenerina, canuta.

2 Paio.

3 Per dirla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License