Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

482. Er fornaro furbo

 

Cuer panzanera1 der Curato mio
nun me guardava ppiú ssino da ggiugno.
Che ddiàscusci2 averà, discevo io,
sto frate cane che mme svorta er grugno?3

 

Che ffò! Mminfirzo un giorno er cudicugno,4
e jje faccio la caccia in borgo-pio:
passa: io me caccio er fongo ar Padre Zugno:5
lui secco secco m’arisponne: «Addio».

 

E io: «Padre Curato, in parrocchietta6
troverete una pizza...» «Oh Mmeo! bbon giorno.
Cosa fai, fijjo mio? come sta Bbetta?

 

Checchino cresce? te va bbene er forno?».
M’acchiappa er zampo,7 me sce na stretta,
poi curre a ccasa; e cche cce trova? Un corno.

 

Roma, 24 novembre 1832 - Der medemo

 




1 Nome dato a’ più abbietti della plebe.

2 Diavolo.

3 Viso.

4 Abito.

5 Nome di sprezzo.

6 Stanza di residenza del parroco.

7 Mi afferra la mano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License