Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

511. L’editti

 

Ogn’editto e ogni straccio che sse legge
te prometteno tutti Rom’-e-ttoma:
ma cquanno semo a scaricà la soma
s’ariducheno a ssono de scorregge.

 

Perché appena pe Rroma esce una Legge,1


ecco er zor A e ’r zor B ccor zudiproma:
e la Legge c’uscita era pe Rroma
s’arintajja, se castra e sse corregge.

 

Poi, cqua ognuno commanna; e o ppe mmalizzia,
o ppe iggnoranza, o ppe rrispetti umani,
nun trovi un cazzo chi tte fa ggiustizzia.

 

Ecco in che ppiede stanno li Romani.
E cquesta è una Città? cche! sta sporchizzia?!
, cchiamela per dio Terra de cani.

 

Roma, 29 novembre 1832

 




1 Pronunciata con entrambe le e aperte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License