Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

524. Er Canonico novo

 

Io la lingua latina nu la so,
ma mme disce er barbiere che la sa,
ch’er Canonico c’hanno fatto mo
quiggiú a la Bbocca-de-la-Verità,1

 

cuann’in coro coll’antri ha da cantà,
come l’uffizio fussi un pagarò,2
inciafrujja ciascià cciscí cciosciò,
ma un cazzo3 legge lui cuer che cce sta.

 

A sta maggnèra4 puro5 io e ttu
faressimo er canonico accusí,
si abbasta a ssapé ddí ccescè cciusciù.

 

E a sta ggente, per dio, che nnun za ddí
manco in latino er nome de Ggesù,
er pane nostro s’ha da iggnottí?!6

 

Roma, dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Su questa chiesa vedi il son…

2 Il pagherò è una certa polizzettaccia indecifrabile, che si da a’ giuocatori del lotto per riscontro delle loro giuocate, e qual biglietto all’ordine in caso di vincita.

3 Per nulla. Si batte la voce sulla prima vocale, con energia.

4 Maniera.

5 Pure.

6 Inghiottire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License