Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

547. La quarella1 d’una regazza

 

Siggnora : la zitella miggnotta
ha ffatto avé ar Vicario er zuspappiello2
quarmente io l’ho infirzata in ner furello
e jj’ho uperto er cancello de la grotta.

 

Io jarispose che cquesta è una fotta,3
perch’io nun ciò4 ppiú ppenne in de l’uscello.
E llui mannò er cirusico a vvedello,
e a vvisità ssi llei l’aveva rotta.

 

«Pe mmé» disse:5 «neppuro co li guanti
se tocca er mio»; ma cquella porca indeggna
se fesce smaneggià ddietro e ddavanti.

 

Vanno bbene ste cose? E cchi jjinzeggna
pe ccristo, a lloro che ssò ppreti e ssanti,
de discíde sur cazzo e ssu la freggna?

 

Roma, 4 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Querela.

2 Memoriale (da papier).

3 Ridicola impostura.

4 Ci ho.

5 In quanto a me, io dissi, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License